Cody Legebokoff | Motivi della sentenza | N E, l'enciclopedia degli assassini

Cody Alan LEGEBOKOFF

Classificazione: Omicida seriale
Caratteristiche: R scimmia
Numero di vittime: 4
Data degli omicidi: ottobre 2009 - novembre 2010
Data dell'arresto: 28 novembre 2010
Data di nascita: 21 gennaio 1990
Profilo delle vittime: Jill Stacey Stuchenko, 35 / Cynthia Frances Maas, 35 / Natasha Lynn Montgomery, 23 (il suo corpo non è stato trovato) / Loren Donn Leslie, 15 (parzialmente cieca)
Metodo di omicidio: Perdita di sangue e trauma da corpo contundente
Ubicazione: Prince George e Vanderhoof, British Columbia, Canada
Stato: Condannato all'ergastolo senza condizionale per 25 anni il 16 settembre 2014

ALLA CORTE SUPREMA DELLA COLUMBIA BRITANNICA

Citazione:
R.v. legebokoff,
2014 BCSC 1746

Data: 20140916
Fascicolo: 35171
Registro: il principe Giorgio



Regina

in.

Cody Alan Legebokoff

Prima: l'onorevole giudice W. G. Parrett

Ragioni orali della frase

Consigliere della Corona: O. Kuzma QC, J. Temple e LA Vizsolyi
Avvocato degli accusati: J. I. Heller e R.S. Fowler

Luogo e date del processo:

Il principe Giorgio, a.C.
31 maggio, 2-5 giugno, 9-13, 16-20, 23-26, 2-4 luglio, 7-11, 14-18, 21-24, 28-31, 18-19 agosto, 25-28, 2-4, 8-11 settembre

Luogo e data del giudizio:

Il principe Giorgio, a.C.
16 settembre 2014

1. PANORAMICA

[1] L'imputato, Cody Alan Legebokoff, è stato arrestato il 28 novembre 2010 per l'omicidio di Loren Donn Leslie. Con il progredire dell'indagine che ne è seguita, altre indagini si sono fuse e al processo l'imputato è stato condannato a quattro capi di imputazione per omicidio di primo grado. Le accuse davanti alla giuria erano:

(1) che dal 9 ottobre 2009 al 26 ottobre 2009 ha commesso l'omicidio di primo grado di Jill Stacey Stuchenko;

(2) che dal 19 agosto 2010 al 27 novembre 2010 ha commesso l'omicidio di primo grado di Natasha Lynn Montgomery;

(3) che dal 10 settembre 2010 al 9 ottobre 2010 ha commesso l'omicidio di primo grado di Cynthia Frances Maas;

(4) che intorno al 27 novembre 2010 ha commesso l'omicidio di primo grado di Loren Donn Leslie.

[2] L'11 settembre 2014 la giuria in questa materia ha emesso verdetti di colpevolezza come imputati su tutti e quattro i capi di imputazione. Questi verdetti sono seguiti a un processo iniziato con la selezione della giuria il 31 maggio 2014.

[3] La condanna è uno dei compiti più difficili che il tribunale deve svolgere e la condanna di un giovane per omicidio di primo grado è, per alcuni aspetti, tra i più difficili.

[4] Nella specie tale compito è complicato dalla necessità che io apporti le necessarie constatazioni di fatto su cui detta sentenza possa essere eseguita. Ciò è reso necessario nel caso di specie dal fatto evidente che la giuria, nel restituire il verdetto unanime, a mio avviso, ha respinto gran parte delle prove dell'imputato.

2. I FATTI

Circostanze dei reati:

Jill Stacey Stuchenko

[5] Jill Stuchenko è nata il 2 dicembre 1973. Aveva 35 anni quando è morta nell'ottobre del 2009. Era madre di sei, quattro maschi e due femmine con una famiglia allargata.

[6] È stata sentita o vista l'ultima volta intorno al 9 o 10 ottobre 2009 e, poiché molti canadesi quell'anno si stavano godendo la cena del Ringraziamento con la famiglia e gli amici, era morta o morente.

[7] Il suo corpo è stato localizzato da Johnny Pius semisepolto in una fossa poco profonda in una parte un po' isolata di una cava di ghiaia situata vicino all'incrocio tra Otway Road e Ospika Boulevard, nella città di Prince George, il 26 ottobre 2009. Mr Pio si recò all'R.C.M.P. Distaccamento nelle vicinanze e ha riferito la sua scoperta iniziando la prima di una serie di indagini discrete che alla fine si sarebbero fuse e avrebbero portato al presente processo.

[8] La Sig.ra Stuchenko aveva subito una serie di massicci colpi contundenti alla schiena e al lato destro della testa e al viso che hanno causato, in parte, lacerazioni del cuoio capelluto, fratture del cranio e contusioni cerebrali. C'erano più lividi da colpi simili sulla fronte, sugli avambracci e sulla parte superiore delle braccia, nonché su entrambe le ginocchia. La quantità di sangue perso è stata così estrema che il patologo ha avuto difficoltà a ottenere un campione durante l'autopsia. Non sarebbe qui servito alcuno scopo utile nel dettagliare l'entità specifica delle sue ferite che possono essere trovate descritte in modo molto dettagliato nel rapporto dell'autopsia e nelle prove del dottor Stephen. Basti dire che l'entità e la natura delle sue ferite alla fine fornirebbero parte della base fattuale da cui è emerso uno schema generale e sorprendente che, a mio avviso, collega chiaramente gli omicidi di Stuchenko, Maas e Leslie, e informa e completa le prove disponibili rispetto a Montgomery.

[9] Nel corso della sua autopsia e come risultato dell'analisi forense del DNA di campioni prelevati da un'unghia della mano destra, e tamponi sia dalla sua vagina che dall'ano, e campioni prelevati da un tampone situato all'interno della sua vagina, il profilo del DNA di è stato sviluppato un maschio sconosciuto. Alla fine, dopo che l'imputato è stato arrestato il 28 novembre 2010 e da lui ottenuto un campione, il profilo sconosciuto è stato confrontato con quello ottenuto dall'imputato.

[10] Ulteriori analisi del DNA di ritagli da una macchia di sangue di saturazione sul grande divano trovato nell'appartamento di Liard Drive dell'imputato corrispondevano al profilo genetico ottenuto da Stuchenko dai campioni prelevati durante la sua autopsia. Quando gli investigatori non hanno trovato macchie di sangue sotto il divano o altrove nell'appartamento, l'indagine si è spostata nella suite nel seminterrato di 1510 Carney St. dove viveva l'accusato al momento della scomparsa della signora Stuchenko. In quella posizione sono state sviluppate macchie di sangue e alla fine un profilo del DNA è stato sviluppato dal tappeto nel punto in cui era stato il divano che corrispondeva al profilo genetico della signora Stuchenko.

[11] Dopo aver considerato l'intera prova, non ho alcun ragionevole dubbio sul fatto che Jill Stuchenko sia stata uccisa nella suite seminterrata dell'accusato al 1510 di Carney Street nel fine settimana del Ringraziamento del 2009 mentre i suoi coinquilini erano via per il fine settimana.

Natasha Lynn Montgomery

[12] Natasha Lynn Montgomery è nata il 14 marzo 1987. Aveva 23 anni quando è morta tra il 30 agosto 2010 e il 1 settembre 2010. Era madre di due figli, un figlio e una figlia. Lei e il suo fidanzato di lunga data, che si conoscevano da quando aveva dodici anni, si erano separati per l'uso di droghe. Il signor Godwin, il padre dei suoi due figli, aveva testimoniato che, nonostante le sue difficoltà, era rimasta in contatto con lui ei bambini che chiamavano a giorni alterni circa e aveva programmato di tornare a trovarli prima della sua scomparsa. Una raccolta di fotografie di famiglia e fotografie dei due bambini è stata recuperata dagli effetti personali lasciati quando la signora Montgomery è scomparsa.

[13] La signora Montgomery aveva queste fotografie con sé mentre era in custodia presso il Centro di Correzione Regionale Prince George. È stata rilasciata da quell'istituto il 19 agosto 2010.

[14] Al momento della sua scomparsa, la signora Montgomery si trovava nell'appartamento di Jeffrey Menton dove si trovava da circa due settimane. Quando non tornò, come aveva detto, il signor Menton si preoccupò. Menton le ha inviato un'e-mail il giorno successivo. L'e-mail si trova all'interno delle Mostre ed è datata 1 settembre 2010. Non ha mai più visto o sentito la signora Montgomery.

[15] Robert Fforsyth conosceva Natasha Montgomery e l'aveva lasciata alla stazione di servizio di Fas tra la 20th Avenue e Queensway. Gli aveva detto che lo avrebbe chiamato più tardi quella notte, ma non lo fece. La sua ricerca per lei non ha avuto successo. Il giorno dopo, sapendo che intendeva andare all'ufficio sociale per ritirare un assegno; ha aspettato fuori dall'ufficio tutto il giorno ma lei non è mai apparsa. Sebbene incerto sulla data esatta, il signor Fforsyth sapeva che era il giorno in cui aveva chiuso l'armadietto che aveva al Budget Storage sulla 1st Avenue ed era stato in quell'ufficio per due giorni consecutivi, il 31 agosto e il 1 settembre , 2010.

[16] Il corpo della signora Montgomery non è mai stato localizzato.

[17] I test forensi sui pantaloncini che Cody Legebokoff indossava al momento del suo arresto per l'omicidio di Loren Leslie hanno prodotto due corrispondenze con il profilo genetico di Natasha Montgomery. Una successiva perquisizione dell'appartamento dell'imputato individuato -

(a) un lenzuolo azzurro che ha prodotto trenta corrispondenze separate al profilo genetico di Natasha Montgomery,

(b) un piumino blu ha prodotto il profilo genetico (DNA) corrisponde a Natasha Montgomery,

(c) due ritagli del materasso a molle situato nella camera da letto dell'appartamento di Liard Drive hanno prodotto corrispondenze complete con il profilo Montgomery,

(d) i ritagli prelevati dal pavimento di linoleum nella sala da pranzo hanno prodotto un profilo misto con corrispondenze sia a Cody Legebokoff che a Natasha Montgomery, altre due corrispondenze al profilo di Montgomery e uno al profilo di Legebokoff,

(e) un taglio del tappeto nel corridoio fuori dalla porta della camera da letto principale ha prodotto tre corrispondenze con il profilo di Montgomery,

(f) il tappetino da bagno blu sequestrato al bagno dell'appartamento ha prodotto quattro corrispondenze diverse al profilo di Montgomery,

(g) una felpa con cappuccio bianca e nera sequestrata dall'appartamento ha prodotto quattro corrispondenze separate al profilo di Montgomery.

[18] Nel corso della perquisizione dell'appartamento dell'imputato fu trovata un'ascia nell'armadio d'ingresso che ha prodotto quattordici corrispondenze separate al profilo genetico di Montgomery da diverse aree del manico e della testa dell'ascia. Trentatré tamponi separati prelevati da una varietà di luoghi dalla camera da letto, corridoio, bagno, tende del soggiorno, cucina e sala da pranzo hanno prodotto corrispondenze al profilo di Montgomery.

[19] Dopo aver considerato l'insieme delle prove, non ho alcun ragionevole dubbio sul fatto che Natasha Lynn Montgomery sia stata uccisa nell'appartamento dell'imputato su Liard Drive, che si sia trattato di un incidente molto violento e che l'ascia, almeno, sia stata usata sia in l'uccisione o l'eliminazione del suo corpo.

Cynthia Frances Maas

[20] Cynthia Maas è nata il 29 maggio 1975. Aveva 35 anni quando è morta nel settembre 2010. Era madre di una bambina e, come diceva la sua famiglia, una figlia, una sorella, una zia, una cugina, una nipote , nipote, amica e madre.

[21] Il suo corpo è stato trovato in una zona piuttosto remota di L.C. Gunn Park il 9 ottobre 2010 da due agenti di polizia che pattugliano l'area. Il corpo era stato trascinato contro una linea di alberi e lasciato, nudo dalla vita in giù, con i pantaloni arrotolati sui piedi.

[22] È stata vista l'ultima volta, scopro, la sera del 10 settembre 2010, quando ha assistito all'appartamento di Patricia Thiessen e Tim Senft. Lì ha ripulito e le è stato dato un set di vestiti puliti inclusa la giacca in cui è stata trovata. La giacca è stata identificata dalla signora Thiessen come quella che le aveva dato.

[23] Il giorno prima, 9 settembre 2009, la signora Maas ha avuto una serie di contatti ben documentati, con Sarah Higgins, assistente sociale con la quale ha scambiato documenti tramite trasmissione fax, e con Denise Wagner, coordinatrice del Rifugio AWACS, per il quale ha compilato una serie di moduli. Ha anche contattato il suo patrigno, Bill Cossley, per telefono, alle 14:50 di quel pomeriggio. Non ci sono stati contatti apparenti con nessuno in seguito, a parte il contatto con Thiessen e Senft.

[24] La signora Maas aveva subito una serie di massicci traumi da corpo contundente alla testa e al viso con conseguenti fratture multiple nell'area facciale, nonché costole fratturate, clavicola e scapola destra fratturate. Inoltre ha riportato ferite penetranti al torace e al collo destro e danni a varie vertebre. La dottoressa Symes ha scoperto che c'erano almeno cinque impatti contundenti visibili sulla sinistra e sulla parte superiore del suo cranio e un totale di sedici impatti sul cranio. Trovò anche una frattura del polso destro e numerose fratture della mano destra e sinistra con estese contusioni.

[25] La causa della morte è stata attribuita a trauma da corpo contundente alla testa e lesioni penetranti al torace e al collo destro.

[26] Nel corso delle indagini di polizia è stato trovato un maglione nero di una donna e sequestrato da dietro il sedile del conducente del camioncino dell'imputato. I nastri prelevati dall'interno della zona del collo di quel maglione hanno prodotto tre campioni di materiale biologico che hanno prodotto tre corrispondenze del profilo genetico, due a quello di Cynthia Maas e uno a quello di Cody Legebokoff. Un secondo oggetto situato nella stessa area del camion era un calzino bianco che ha prodotto quattro campioni, due dei quali erano emocromogeno+ per il sangue. Questi campioni hanno prodotto quattro corrispondenze del profilo, tre contro Cynthia Maas e una contro Cody Legebokoff.

[27] Nella successiva perquisizione dell'appartamento di Liard Drive dell'imputato sono stati individuati altri due oggetti. Il primo era un paio di scarpe DVS nere situate nell'armadio dell'ingresso. Delle 28 aree delle scarpe testate, 25 hanno prodotto corrispondenze al profilo di Cynthia Maas e un'altra ha prodotto un profilo misto costituito da una corrispondenza sia per Cynthia Maas che per Cody Legebokoff. I campioni rimanenti hanno prodotto corrispondenze a profilo singolo con Cody Legebokoff.

[28] Il secondo oggetto situato nell'appartamento era un piccone (un piccone) individuato e sequestrato dalla camera da letto principale dell'appartamento. Nove campioni sono stati prelevati dall'asta e dalla testa del pickeroon e tutti corrispondevano al profilo genetico (DNA) di Cynthia Maas.

[29] È da notare che nessuno dei tamponi prelevati dall'appartamento ed elaborati, oltre a quelli citati, ha prodotto risultati corrispondenti al profilo Maas.

[30] Dopo aver considerato l'insieme delle prove, non ho alcun ragionevole dubbio sul fatto che Cynthia Maas sia stata uccisa e che il pickeron individuato e sequestrato dalla camera da letto dell'accusato fosse uno degli strumenti utilizzati in quell'omicidio.

Loren Donn Leslie

[31] Loren Leslie è nata il 5 gennaio 1995. Aveva quindici anni quando è morta nella tarda serata del 27 novembre 2010.

[32] Il suo corpo è stato localizzato verso la mezzanotte di quella notte dall'ufficiale per la conservazione Cameron Hill nascosto sotto una fitta boscaglia da una cava di ghiaia a cui si accede da una vecchia strada forestale fuori dall'autostrada 27 a circa 40-45 chilometri a nord di Vanderhoof verso Fort. San Giacomo.

[33] Il corpo giaceva a faccia in giù sotto un albero sempreverde, trascinato nella boscaglia lungo la cava di ghiaia nell'apparente tentativo di nasconderlo o almeno ritardarne la scoperta.

[34] Il corpo aveva i pantaloni ma erano stati arrotolati intorno alle caviglie e ai piedi con la biancheria intima arrotolata all'interno di quei pantaloni.

[35] Il posizionamento e le condizioni del corpo erano notevolmente simili al posizionamento e alle condizioni del corpo di Cynthia Maas quando era stato localizzato poco più di sei settimane prima.

[36] A differenza delle indagini avviate nei casi di Stuchenko, Montgomery e Maas dove l'inizio delle indagini è stato ritardato dalle circostanze, l'indagine di Leslie è iniziata immediatamente.

[37] Uno dei risultati di ciò è stato un quadro molto più completo delle circostanze che hanno portato alla morte della signora Leslie rispetto a quello disponibile negli altri tre casi.

[38] L'altra differenza era che la polizia aveva un sospetto per il caso Leslie che non era mai stato nel loro radar.

[39] Ci sono, nelle prove, una serie completa di comunicazioni di testo o e-mail tra l'imputato e Loren Leslie. Queste comunicazioni sono iniziate il 1 novembre 2010 alle 15:35:05. Questi messaggi sono sia rivelatori che agghiaccianti se esaminati da vicino.

[40] Nella sua prima serie di messaggi l'imputato tenta di organizzare un incontro quella notte. Lo scopo da parte sua appare puramente sessuale.

[41] Il 27 novembre 2010 i messaggi tra i due iniziano quando Loren Leslie scrive all'accusato alle 18:04:01. In quel momento la ragazza di Legebokoff era nel suo appartamento ma se ne andò alle 18:30. L'imputato ha risposto a Leslie alle 18:31:33 e nel giro di un minuto ha iniziato a prendere accordi per incontrare Leslie quella notte.

[42] Il bilancio delle loro comunicazioni è, come ho indicato, altamente rivelatore e fornisce una sequenza temporale abbastanza dettagliata che porta al primo (e ultimo) incontro tra Loren Leslie e l'imputato.

[43] Nei messaggi l'imputato esorta Leslie a non parlare di lui a nessuno e lei a sua volta glielo dice. . . niente di sessuale.

[44] L'ultimo messaggio scambiato tra loro è alle 20:22:41 dopo che l'accusato aveva acquistato alcolici in un Cold Beer and Wine Store a Vanderhoof.

[45] Poco dopo le 20:31:00, probabilmente nel giro di pochi minuti, Richard Wruth vide un camioncino scuro parcheggiato accanto alla recinzione della catena a W.M. McLeod Elementary School e una persona in pantaloncini corti che si dirige verso le altalene della scuola dove era seduta Loren Leslie.

[46] Tornerò più avanti in queste ragioni sulla questione della credibilità dell'imputato, ma a questo punto va notato che nella sua testimonianza l'imputato ha testimoniato che lui e la signora Leslie hanno avuto rapporti sessuali consensuali nel suo camion a scuola, e di nuovo alla cava di ghiaia vicino a dove è stato trovato il suo corpo, subito prima che andasse a merda di scimmia e iniziasse a picchiarsi.

[47] L'importanza di questa testimonianza non risiede semplicemente nella sua natura improbabile, ma anche nella sua rilevanza rispetto alla linea temporale che emerge dall'insieme delle prove.

[48] ​​Loren Leslie e la sua amica Charity Funk si scambiarono una serie di messaggi di testo quella notte. Lo scambio è iniziato alle 20:30:19 e si è concluso alle 20:35:49. Con un'eccezione, tutti questi messaggi si sono verificati entro intervalli di circa 30-40 secondi durante i quali la signora Leslie ha detto alla signora Funk che era fuori guida con Cody, un amico di P.G.

[49] Suppongo che avrebbero potuto fare sesso come suggerisce il signor Legebokoff, ma sembra improbabile.

[50] Secondo l'accusato, gli ci vollero dai 20 ai 25 minuti per guidare fino alla strada forestale fuori dall'autostrada 27 da Vanderhoof. Ciò porterebbe il loro arrivo in quella zona intorno alle 21:00:00 o alle 21:00.

[51] Cst. Kehler era in viaggio verso sud per incontrare Cst. Sidhu. Osservò un veicolo che si avvicinava all'autostrada da est a quella che sembrava una velocità elevata. La sua prova era che ha osservato quel veicolo intorno alle 21:35 e successivamente lo ha fermato alle 21:47 dopo aver incontrato Cst. Sidhu.

[52] Ciò che questo lungo considerando significa, a mio avviso, è che ciò che è accaduto tra la signora Leslie e l'accusato in questa remota località in mezzo alla boscaglia e alla foresta è avvenuto in un arco di tempo massimo di circa 30-35 minuti , la prima volta che questi due si erano incontrati. Ciò includeva se si deve credere al signor Legebokoff che facciano sesso, la signora Leslie impazzisce e si ferisce, l'accusato finendola, trascinando il suo corpo nella boscaglia, raccogliendo gli oggetti comprese le armi, poi pulendo e spazzando la neve per coprire le tracce.

[53] La signora Leslie è morta per una combinazione di perdita di sangue e lesioni cerebrali risultanti da una serie di massicci colpi alla testa che hanno causato un esteso trauma da corpo contundente e due coltellate al collo.

[54] Accetto e trovo specificamente che il trauma da corpo contundente subito dalla signora Leslie fosse troppo esteso e grave in sé e per sé perché possa essere stato autoinflitto. Anch'io sono del parere e in particolare trovo che non abbia causato le coltellate al collo.

[55] Questi risultati si basano sulla mia valutazione complessiva delle prove riguardanti le sue lesioni totali, comprese le fratture multiple e le contusioni al polso e alle mani, nonché la ferita incisa al secondo dito destro. Questo, in particolare, insieme alle fratture alle dita che trovo specificamente essere ferite difensive subite da questa giovane donna mentre cercava di respingere l'attacco dell'imputato. Non posso e non accetto che le ferite alle sue dita siano state causate dall'imputato che le ha calpestate.

[56] L'attacco produsse tra i 5 e gli 8 massicci colpi alla testa oltre alle due coltellate al collo.

[57] I collegamenti con l'imputato nel caso della signora Leslie sono letteralmente troppo numerosi per essere menzionati.

[58] Nel momento in cui l'imputato è stato fermato e successivamente arrestato dopo essere stato visto allontanarsi dalla zona in cui è stato trovato il corpo della signora Leslie ad alta velocità, le prove che collegano l'imputato includono:

(a) aveva sangue e DNA della signora Leslie sulla maglietta, sui pantaloncini e sulle scarpe;

(b) aveva il cellulare della signora Leslie nella tasca dei pantaloncini;

(c) aveva un multiutensile da pelletteria con il sangue e il DNA della signora Leslie sulle superfici interne nella tasca cargo dei suoi pantaloncini;

(d) la chiave inglese con sangue e DNA della signora Leslie è stata trovata nella cabina del suo camion

(e) Lo zaino, il portafoglio e la carta d'identità della signora Leslie erano seduti sul sedile del passeggero del suo camioncino;

(f) l'alcol, compreso il tipo specifico discusso nei loro messaggi di testo, acquistato presso un Cold Beer and Wine Store a Vanderhoof, parzialmente consumato, si trovava nel suo camion.

[59] Dopo aver considerato l'insieme delle prove, non mi resta alcun ragionevole dubbio sul fatto che Loren Leslie sia stata assassinata e che la chiave inglese che si trova nel camion dell'imputato e il pellettiere trovato in una tasca dei suoi pantaloncini siano stati da lui usati nell'omicidio.

[60] Respingo inequivocabilmente la storia secondo cui la signora Leslie si è inflitta una qualsiasi di queste ferite.

Prove di fatti simili

[61] Dopo aver esaminato l'insieme delle prove, sono completamente soddisfatto che questa prova soddisfi il test per il suo utilizzo poiché prove di fatti simili contano per contare sui problemi identificati.

[62] Sono, in particolare, soddisfatto che le somiglianze in tutti e quattro i casi, e in particolare le somiglianze nella natura delle vittime, il modello e l'entità delle lesioni e il modo in cui le vittime sono state lasciate o eliminate sono tali che tutti quattro furono probabilmente uccisi dalla stessa persona.

[63] L'oggettiva improbabilità che una persona sia collegata tramite sangue e DNA a tutte e quattro le vittime che sono state uccise in un arco di 14 mesi, per non parlare delle ultime tre in un arco di meno di tre mesi e che deteneva o controllava armi usato in tre dei quattro omicidi è semplicemente del tutto al di fuori del regno della coincidenza.

Percorsi per l'omicidio di primo grado

[64] In questo caso c'erano tre possibili vie attraverso le quali la giuria poteva concludere che in ogni caso l'omicidio era un omicidio di primo grado.

[65] Queste rotte erano:

(a) come parte di un reato di omicidio di primo grado commesso da X, Y o Z;

(b) concludendo che uno o più dei quattro omicidi soddisfacevano i criteri di pianificazione e deliberazione; e

(c) concludendo che uno o più dei quattro omicidi sono avvenuti mentre l'imputato stava commettendo o tentando di commettere un'aggressione sessuale.

[66] Per ragioni che risulteranno evidenti, respingo la prima di queste tre vie come disponibile in questo caso.

[67] Trovo in particolare che nel caso dei conteggi 2, 3 e 4, gli omicidi di Natasha Montgomery, Cynthia Maas e Loren Leslie, tutti e tre sono stati pianificati e deliberati e sono avvenuti mentre l'imputato stava commettendo o tentando di commettere un violenza sessuale e che in ogni caso costituiscono un omicidio di primo grado su entrambe le basi.

[68] Nel caso del conteggio 1 e dell'omicidio di Jill Stuchenko, mi viene lasciato un ragionevole dubbio sul fatto che, come primo di questa serie di omicidi, sia stato pianificato e deliberato.

[69] Questo dubbio nasce in parte a causa dell'intervallo di tempo di quasi un anno tra la sua commissione e quella di Natasha Montgomery. Questo tipo di divario non si è mai ripetuto e potrebbe derivare dal fatto che è stato il primo.

[70] Anche il mestiere della signora Stuchenko fa sorgere un dubbio su come sia iniziato questo incontro, ma a mio avviso non c'è dubbio su come sia finito.

[71] Sono soddisfatto oltre ogni ragionevole dubbio che l'omicidio della signora Stuchenko sia avvenuto nel corso di un'aggressione sessuale. L'incontro sessuale potrebbe essere iniziato come un incontro consensuale, ma le prove supportano la conclusione che non sia finito in quel modo. Questa è la prova delle ferite nella zona anale della signora Stuchenko.

[72] Concludo che nel caso del conteggio 1 il reato è omicidio di primo grado perché l'omicidio è avvenuto mentre l'imputato stava commettendo un'aggressione sessuale.

3. CIRCOSTANZE DEL RESPONSABILE

[73] L'imputato è nato il 21 gennaio 1990 a Fort St. James. Attualmente ha 24 anni.

[74] Al momento del delitto di conteggio 1 aveva 19 anni, e al momento dei delitti di conteggio 2, 3 e 4 aveva 20 anni.

[75] Il signor Legebokoff è uno dei tre figli, che ha un fratello maggiore e una sorella minore. I suoi genitori si sono sposati all'età di 19 anni e ha descritto la sua infanzia come un'infanzia normale in una famiglia con genitori amorevoli.

[76] Proseguì descrivendo un'educazione in cui le attività principali erano il campeggio, la caccia e la pesca, con battute di pesca nella zona di Kitimat ogni anno.

[77] Il signor Legebokoff ha testimoniato di aver giocato a hockey con un certo successo e di essersi diplomato al liceo.

[78] Nacque con un difetto alla nascita che chiamò distocia della spalla. Lo ha descritto come un difetto causato da un danno ai nervi del braccio sinistro. Ha testimoniato che sebbene abbia influito sulla sua capacità di sollevare pesi con quel braccio da solo, ma che non lo ha mai realmente colpito.

[79] Dopo essersi diplomato al liceo si è trasferito con uno dei suoi amici a Lethbridge, Alberta, nel giugno 2008, dove ha lavorato in una varietà di lavori fino al suo ritorno a Fort St. James nell'estate del 2009.

[80] Tra la metà e la fine di agosto del 2009 si trasferì a Prince George dove si stabilì con alcuni amici di Fort St. James in una casa al 1510 di Carney Street.

4. IMPATTO SULLE FAMIGLIE DELLE VITTIME E SULLA COMUNITÀ

[81] Tutti noi in quest'aula siamo consapevoli dell'impatto che questi quattro omicidi hanno avuto sulle famiglie delle vittime.

[82] Abbiamo ascoltato durante il processo di condanna due di quei membri della famiglia, Judy Maas e Luanne Montgomery. I loro commenti emotivi e premurosi forniscono una prospettiva necessaria e umanizzante a un processo che a volte può perdere prospettiva a causa dell'uso di etichette che a volte mascherano e oscurano le persone dietro quelle etichette.

[83] Molti altri membri della famiglia si sono presi il tempo di contribuire con le loro dichiarazioni sull'impatto delle vittime. Ringrazio ciascuno di voi per aver dedicato del tempo e per aver fatto lo sforzo di condividere quei pensieri e quei sentimenti, che la signora Vizsolyi ha letto nel verbale.

[84] In casi come questo sono combattuto tra citare ampiamente questi tipi di dichiarazioni sull'impatto delle vittime in modo che tutti sappiano che le ho considerate attentamente o rispettare un grado di privacy che questo processo tende a mancare e semplicemente fare riferimento ad esse.

[85] Spero che ognuno di voi che si è preso il tempo di fornire i propri pensieri e sentimenti capisca che non riferendosi ulteriormente a quelle affermazioni non intendo mancare di rispetto. Posso assicurare a ciascuno di voi che oltre a sentirli leggerli in aula, li ho letti più di una volta e ho cercato con le vostre parole di ripristinare nella mia mente la percezione di queste quattro vittime come individui.

5. LA CREDIBILITA' DELL'ACCUSATO

[86] In questo caso è importante dire qualcosa sulla credibilità dell'imputato, che ha testimoniato in questo processo e che ha fornito a tutti noi la sua versione attuale della morte di queste quattro vittime.

[87] Il 26 e 27 agosto 2014 l'imputato ha preso il banco dei testimoni a questo processo e ci ha parlato delle persone che ha identificato come X, Y e Z e del loro ruolo nella morte di Jill Stuchenko, Cynthia Maas e Natasha Montgomery. Sarebbe stato difficile includerli, e lui non ha tentato di farlo, nella morte di Loren Leslie.

[88] Come ha affermato il signor Temple nel suo discorso alla giuria, il signor Legebokoff ha iniziato questo caso inventando una storia in cui ha importato il suo amico d'infanzia Tomus Russell in una storia completamente immaginaria sul bracconaggio di un cervo. Non aveva alcun rimorso a coinvolgere il suo amico per nascondere il suo coinvolgimento in un violento omicidio.

[89] Il Sig. Temple suggerì quindi che il Sig. Legebokoff ponesse fine al caso inventando X, Y e Z per oscurare il suo coinvolgimento criminale.

[90] Non mi prenderò il tempo necessario per esaminare meticolosamente nei dettagli le svolte e le svolte delle storie del signor Legebokoff alla polizia.

[91] Solo in sintesi:

(a) raccontò la storia del bracconaggio dei cervi al Cst. Kehler e il responsabile della conservazione Hill;

(b) al momento del suo arresto per omicidio e, in particolare, nella sua registrazione, disse al Cst. Sidhu che non ha ucciso nessuno ma l'ha trovato. Il tono e la scelta delle parole in questa registrazione sono, a mio avviso, di fondamentale importanza, poiché mostrano una qualità disumanizzante che è vividamente rivelata;

(c) poi il Sig. Legebokoff ha ammesso di essere stato lì e di aver portato lì Loren Leslie ma che lei stessa aveva causato le ferite;

(d) alla fine ha ammesso di averla picchiata una volta, forse due;

(e) alla fine ha ammesso nelle sue prove in quest'aula di averla picchiata perché era arrabbiato.

[92] Il brano della sua testimonianza diretta si trova nella trascrizione del 26 agosto 2014 a p. 75, righe da 6 a 33:

D.- Va bene. Ehi, cosa hai fatto?

A.- Avevo visto il - - visto la chiave a tubo lì, e, uh, avevo afferrato la chiave a tubo e l'avevo colpita con quello.

D.- Perché?

R.- Era per rabbia, frustrazione, panico. Non sapevo davvero cosa fare, ma in genere è per questo che - - perché è successo.

DOMANDA – Cosa intendi con l'hai picchiata? Dove l'hai picchiata?

R.- L'ho colpita in testa.

D.- Quante volte?

R.- Lo dirò un paio di volte. Un paio di volte, poche volte. Non conosco davvero un - - un numero esatto, ma - -

DOMANDA – Dici per rabbia. Cosa... per cosa eri arrabbiato?

R.- Ebbene, il fatto che questo sia accaduto. Non mi aspettavo che succedesse nulla di tutto ciò. Ed ero incazzato, davvero, che si arrivasse a questo e che questo fosse successo.

D.- Ok, quindi l'hai picchiata ah - - e mi dispiace, quante volte pensi di averla picchiata - - o l'hai picchiata?

R.- Due. Forse - - forse di più. Non sono - - Non sono sicuro al cento per cento.

DOMANDA - Dopo si è mossa di nuovo?

Anno.

[93] Ciò che emerge da questo particolare passaggio nelle prove del Sig. Legebokoff è un tema ricorrente che scorre attraverso le sue prove. Niente è mai colpa sua. Le cose non accadono mai perché lui fa qualcosa, accadono sempre per accordo o mutuo consenso o per qualche altro motivo non direttamente correlato a lui.

[94] Tornando però al punto di questa sintesi, anche l'imputato in risposta al sig. Heller ha chiarito alla polizia cosa pensava delle sue storie e il motivo per cui le ha raccontate (trascrizione 26 agosto 2014, p. 77, righe da 9 a 20):

DOMANDA - - - All'inizio hai detto all'agente Keller che eri fuori a caccia di galli cedroni, ricordi?

R.- Sì. Quelle prime... le storie su di me che cacciavo in... quelle erano stronzate. L'unico motivo per cui l'ho detto era cercare di uscire dalla situazione come - - come - - comunque potevo, ed è stata la prima cosa che mi è venuta in mente. Per non parlare del fatto che sono stato fermato da un poliziotto e avevo tutti gli oggetti nel veicolo. Avevo l'armamentario per la droga. Avevo alcol aperto. Uhm, quindi non ero davvero pronto a dirgli cosa era appena successo. [Enfasi aggiunta.]

[95] Non fa mistero del motivo per cui ha inventato la storia. Era per. . . uscire dalla situazione - - come - - come - - comunque potrei. . .

[96] Questo è quindi l'individuo la cui prova in questo processo è offerta per credenza.

[97] Nei momenti iniziali della sua deposizione e dopo aver offerto la sua affermazione per la sua prova con le solite parole annuncia che non dirà tutta la verità perché non dirà alla Corte chi sono X, Y e Z.

[98] Questi individui senza volto e senza nome entrano nelle prove in questo processo solo attraverso le prove dell'accusato, non c'è un briciolo di altre prove a sostegno della loro esistenza effettiva. Passano attraverso le scene del crimine senza lasciare uno straccio di prova del DNA –

(a) sulla scena di tre diversi omicidi,

(b) sui corpi delle due vittime che sono stati recuperati, o

(c) sul luogo in cui sono stati recuperati i corpi di Stuchenko e Maas.

[99] Altri aspetti di questa storia sono almeno questo problematico. Sembra che il signor Legebokoff si sia trasferito a Prince George tra la metà e la fine di agosto 2009, dopo essere tornato a Fort St. James da Lethbridge, Alberta, quell'estate.

[100] Dalla fine di agosto al 10 ottobre 2009, un periodo di circa sei settimane, l'imputato aveva apparentemente incontrato lo spacciatore X, che aveva avuto modo di conoscerlo e fidarsi di lui così tanto che aveva iniziato a portare i suoi bersagli al residenza allo scopo di commettere omicidi di primo grado credendo in qualche modo che avrebbe collaborato.

[101] Non solo, secondo il Sig. Legebokoff, gli omicidi hanno luogo nella sua residenza ma, in ogni caso ad eccezione di Maas, avvengono utilizzando gli strumenti da lui forniti. Nel caso di Maas, a quanto pare si riprende e viene successivamente uccisa con il pickeron che Legebokoff fornisce a Y in LC. Parco Gunn.

[102] Vanno commentati altri tre aspetti di questa storia.

[103] Le prove fornite dall'imputato in questo processo hanno X, Y e Z che hanno commesso ciascuno uno solo degli omicidi. Questo di per sé sembra strano, ma l'altro aspetto insolito è che se si esamina attentamente la versione dell'accusato di ogni omicidio, diventa evidente che mai nella sua versione di ogni attacco più di una persona attacca la vittima.

[104] X, che apparentemente è incline a portare avanti i muscoli sotto forma di Y nel caso di Stuchenko e Maas, e Z nel caso di Montgomery, non li usa mai.

[105] Legebokoff, nelle sue prove, descrive lui e Y semplicemente seduti su divani, futon o divanetti mentre X attacca le vittime e lotta con Montgomery per circa cinque minuti.

[106] Infine l'imputato cambia l'ordine degli omicidi di Maas e Montgomery.

[107] A mio avviso, le prove stabiliscono chiaramente che Natasha Montgomery è scomparsa tra il 30 agosto e il 1 settembre 2010 e che Cynthia Maas è scomparsa tra il 9 e l'11 settembre 2010.

[108] Il sig. Legebokoff ha tuttavia insistito sul fatto che Maas fosse stato assassinato prima di Montgomery.

[109] La sua spiegazione per questa prova quando è stata contestata nel controinterrogatorio è rivelatrice. Si trova nella trascrizione del 27 agosto 2014 a p. 58, righe da 2 a 7:

D.- Sì, è stata denunciata la scomparsa, ma l'ultima volta che qualcuno l'ha vista è stata il 1 settembre o il 31 agosto quando stava uscendo dalla casa di Jeff Minten per fare la sua passeggiata notturna.

R.- Ah, io - - ci sono prove che qualcuno l'abbia vista oltre il 5. Dimentico, perché l'ho visto.

[110] L'implicazione di questa risposta è che l'accusato prende le prove a disposizione della Corona e le incorpora nelle sue prove e costruisce la sua storia attorno ad esse.

[111] Questa implicazione è supportata da un attento esame dei suoi lunghi colloqui da parte della polizia. Due cose sono ampiamente chiare. In primo luogo, l'imputato ascolta attentamente ciò che gli dice la polizia e spesso le modifiche alla sua versione dei fatti possono essere ricondotte direttamente a tali informazioni. In secondo luogo, di fronte a prove come quelle montate dalla Corona al processo, questo è un accusato che è abbastanza preparato a inventare una storia per tentare di estrarre se stesso nella misura del possibile.

[112] Non credo che X, Y o Z esistano o che siano stati coinvolti nella morte di Stuchenko, Montgomery o Maas.

[113] Respingo le prove dell'imputato su X, Y e Z come un'invenzione, nulla di queste prove crea un ragionevole dubbio sulla colpevolezza dell'imputato.

[114] La vera difficoltà con le prove del signor Legebokoff è che non è del tutto un'invenzione perché costruisce le sue storie attorno e per spiegare le prove che crede o sa che lo implicano.

[115] Ad esempio, non può sfuggire al suo possesso del piccone e dell'ascia, quindi cerca di metterli nelle mani di qualcun altro.

[116] Il vero problema con questo approccio è che non c'è nessuno a cui consegnarli nel caso di Loren Leslie. Il leatherman è nella tasca dei suoi pantaloncini e la chiave inglese è nella cabina del suo camion con lui come unico occupante.

[117] Accetto l'ammissione inerente alle sue prove di essere stato presente al momento e nel luogo degli omicidi di Jill Stuchenko, Natasha Montgomery e Cynthia Maas e di aver partecipato ai loro omicidi. La difficoltà per il signor Legebokoff è che era l'unico lì.

6. FINALITÀ E PRINCIPI DELLA CONDANNA

[118] Passo ora allo scopo e ai principi della condanna. Questi principi si sono sviluppati nel corso dei secoli nella common law e sono ora codificati nel codice penale del Canada. Il principio fondamentale è che la pena deve essere proporzionata alla gravità del reato e al grado di responsabilità dell'autore del reato. Il codice penale afferma che lo scopo fondamentale della condanna è quello di contribuire al rispetto della legge e al mantenimento di una società giusta, pacifica e sicura. Oggetto delle sanzioni da irrogare sono una o più delle seguenti:

(1) denunciare condotte illecite;

(2) per scoraggiare condotte illecite;

(3) dissuadere l'autore del reato e altre persone dal commettere tali reati;

(4) separare i trasgressori dalla società ove necessario;

(5) assistere nella riabilitazione dei trasgressori;

(6) riparare i danni arrecati alle vittime o alla comunità; e infine

(7) promuovere un senso di responsabilità negli autori di reato e il riconoscimento del danno arrecato alle vittime e alla comunità.

[119] Ci sono altri principi chiave approvati dal Parlamento e ora enunciati nel codice penale. Uno è che una sentenza dovrebbe essere simile a condanne inflitte a delinquenti simili per reati simili commessi in circostanze simili. Nel codice penale si afferma anche che un delinquente non dovrebbe essere incarcerato se nelle circostanze possono essere appropriate sanzioni meno restrittive. Infine, il codice penale impone che tutte le sanzioni disponibili, diverse dalla reclusione, che siano ragionevoli nelle circostanze dovrebbero essere prese in considerazione per tutti i trasgressori con particolare attenzione alle circostanze dei trasgressori aborigeni.

7. DISPOSIZIONE

[120] Signor Legebokoff, la prego di alzarsi in piedi.

[121] Al conteggio 1, l'omicidio di primo grado di Jill Stacey Stuchenko sono obbligato per legge a comminarti una pena detentiva a vita senza diritto alla libertà condizionale fino a quando non avrai scontato venticinque anni di quella pena.

[122] Al conteggio 2, l'omicidio di primo grado di Natasha Lynn Montgomery, sono obbligato per legge a comminarti una pena detentiva a vita senza diritto alla libertà condizionale fino a quando non avrai scontato venticinque anni di quella pena.

[123] Al conteggio 3, l'omicidio di primo grado di Cynthia Frances Mass sono obbligato per legge a comminarti una pena detentiva a vita senza diritto alla libertà condizionale fino a quando non avrai scontato venticinque anni di quella pena.

[124] Al conteggio 4, l'omicidio di primo grado di Loren Donn Leslie sono obbligato per legge a comminarti una pena detentiva a vita senza diritto alla libertà condizionale fino a quando non avrai scontato venticinque anni di quella pena.

8. ORDINI ACCESSORI

Sezione 109

[125] A norma dell'art. 109, comma 1, lett. esplosivo a vita.

Sezione 487.051

[126] Poiché queste quattro condanne sono tutte reati designati primari ai sensi dell'art. 487.04 ci sarà un ordine nel Modulo 5.03 che autorizza il prelievo del numero di campioni di sostanze corporee che è ragionevolmente richiesto ai fini dell'analisi forense del DNA.

Sezione 491(1)(a)

[127] Poiché un'arma è stata utilizzata nella commissione dei reati specificati nel conteggio 2 (l'ascia), nel conteggio 3 (il piccone) e nel conteggio 4 (la chiave inglese e il cuoio), questi oggetti specificati vengono confiscati a Sua Maestà e saranno smaltiti secondo le disposizioni del procuratore generale.

2 dicembre 2011 In vigore

[128] L'autore del reato è stato ritenuto colpevole di quattro capi di imputazione per omicidio di primo grado e condannato alla reclusione a vita. L'autore del reato non può beneficiare della libertà condizionale fino al 28 novembre 2035. Tuttavia, dopo aver scontato 15 anni di pena, l'autore del reato può presentare domanda ai sensi dell'art. 745.6 cp per la riduzione degli anni di reclusione senza diritto alla libertà condizionale. Se la giuria che ascolta la domanda riduce il periodo di ineleggibilità alla libertà condizionale, l'autore del reato può quindi presentare una domanda di libertà condizionale ai sensi del Corrections and Conditional Release Act alla fine di tale periodo ridotto.

Sezione 490.012

[129] Poiché tutti e quattro i reati per i quali l'imputato è stato condannato sono stati ritenuti reati designati ai sensi degli artt. 490.111 ci sarà un ordine nel Modulo 52 che richiede a Cody Alan Legebokoff di rispettare a vita il Sex Offender Information Registration Act ai sensi delle disposizioni dell'art. 490.013 (2)(c).

[130] Per favore, sieda Sig. Legebokoff.

[131] A queste ragioni desidero aggiungere alcune osservazioni che riguardano direttamente la natura di tali reati.

[132] Desidero sottolineare che in ciascuno dei tre casi in cui sono stati recuperati i corpi, Jill Stuchenko, Cynthia Maas e Loren Leslie, le ferite causate in ciascun caso erano massicce e sfiguranti, l'oggetto di ogni attacco sembrava mirare a non semplicemente uccidendo le vittime, ma degradandole e distruggendole.

[133] Per un giovane che torreggiava anche sulla più alta di queste vittime di qualcosa nell'ordine di 8 pollici e superava anche la più pesante di 100 libbre, l'uso delle armi che scelse non era mirato a nessuna prospettiva di far diminuire le probabilità ma con l'apparente obiettivo di dominare, degradare e distruggere la vittima presa di mira.

[134] Queste non sono le azioni di un semplice assassino ma qualcosa di infinitamente peggio.

[135] Si tratta di un uomo che con le sue azioni ha dimostrato l'assoluta necessità di essere separato dalla società per proteggere i membri di quella società e, in particolare, i membri più vulnerabili di quella società che ha preso di mira.

[136] Durante i due giorni della sua prova in questo processo, il signor Legebokoff, credo, involontariamente, ci ha fornito un assaggio di ciò che risiede dentro di lui.

[137] Essa in ogni senso di quella parola comincia con le sue interruzioni del Cst. Sidhu durante la registrazione del suo arresto per omicidio. Il tono, i modi e il suo costante riferimento al corpo di Loren Leslie come IT ci danno un'idea del suo atteggiamento nei confronti dei suoi obiettivi e della misura in cui gli mancano, a qualsiasi livello, empatia o rimorso.

[138] Durante la sua testimonianza diretta, il suo avvocato ha ripetutamente cercato di umanizzare l'accusato e di far emergere un briciolo di genuino sentimento di rimorso. Questo sforzo è miseramente fallito.

[139] All'inizio della sua prova diretta, al Sig. Legebokoff è stato chiesto di Jill Stuchenko. Le sue prove, in un momento in cui presumibilmente stava tentando di impressionare di nuovo la giuria, dimostra il suo atteggiamento nei confronti delle sue vittime:

D.- Sì. Sto - - Ti chiedo, per favore, di spiegare nel modo più dettagliato possibile in modo che la giuria possa capire meglio come si fa - - ti siedi accanto a questa donna, e poi, qualche tempo dopo, voi due ve ne andate via nella tua camera da letto?

R.- L'avevo notata poco prima mentre sedeva di fronte al - - quando ero sul futon, e non era molto coinvolta nella conversazione di - - conversazioni di tutti gli altri, e non so se è per questo che l'ho si è seduta accanto a lei o, sai, non era - - non era una persona brutta o brutta - - brutta donna, quindi voglio dire, credo di aver pensato che avrei tentato la fortuna e mi sarei seduto accanto a lei e avrei iniziato a parlare a lei.

Trascrizione del 26 agosto 2014, p. 21, righe da 5 a 17.

[140] Questa non è la caratterizzazione di un essere umano che socializza ma quella di un cacciatore che identifica un bersaglio.

[141] All'interno delle sue prove dirette si trovano anche un gran numero di passaggi in cui il signor Heller gli chiedeva, in vari modi, come lo facessero sentire le cose. Le sue risposte sono, a mio avviso, molto rivelatrici. Ma qualche esempio:

D.- Va bene. Allora cosa hai fatto?

R.- Fu allora che tornai a Fort St. James. Non ho mai visto Y fino a probabilmente un anno dopo.

D.- Va bene. Come ti sei sentito riguardo a ciò che avevi appena fatto?

A.- Io - - Mi prendo a calci in culo tutti i giorni.

D.- Non parlo ora; Sto parlando al momento.

A.- Io - - anche allora - - anche allora io - - sapevo - - sapevo che quello che avevo fatto non era giusto, ma non c'era molto che potevo davvero - - davvero fare.

Trascrizione 26 agosto 2014, pag. 31, righe da 31 a 41

[142] Dopo che X, secondo lui, attaccò Cynthia Maas nel suo appartamento:

D.- Ora [sic] ti sei sentito sul fatto che è appena successo a casa tua e lui dice che deve andare?

R.- Ovviamente non mi sentivo - - mi sentivo molto bene, ma, voglio dire, era, sai, bisognava fare qualcosa al riguardo.

Trascrizione 26 agosto 2014, pag. 41, righe da 23 a 28.

[143] Alla domanda su come si sentiva mentre guidava a sbarazzarsi del corpo di Cynthia Mass:

D.- Come ti sei sentito?

R.- Non mi sentivo bene. Affatto.

DOMANDA – Ebbene, lei dice di non sentirsi bene. Che cosa - -

R.- Sapevo che era sbagliato. Questo è ciò che intendo.

D.- Va bene.

R.- Ma a quel punto della mia vita stavo, sai, fumavo il - - Fumavo un bel po' di crack.

D.- E allora?

A.- E sai quando tu - - quando tendi a drogarti, - - non ti importa necessariamente tanto delle cose e delle cose di cui dovresti preoccuparti.

Trascrizione 26 agosto 2014, pag. 43, righe da 9 a 21.

[144] Alla domanda su quando stava girando il camion mentre Y stava trascinando il corpo di Cynthia Maas nell'oscurità dopo aver usato il pickeroon su di lei:

D.- Cosa - - fare - - ti ricordi cosa stavi pensando in quel momento su ciò che stava accadendo?

R.- No, non - - Voglio dire, non mi sentivo molto bene per quello che stava succedendo ma - - o per come mi sono cacciato in questo pasticcio, ma . . .

DOMANDA – Altro?

R.- No. Dopo di che noi - - L'avevo appena lasciato a - - a casa e quella fu l'ultima volta che lo vidi.

Trascrizione 26 agosto 2014, pag. 46, righe 24 – 42.

[145] Forse la più rivelatrice di questa serie di risposte si trova nel passaggio successivo:

D.- Hai avuto pensieri o sentimenti particolari riguardo al fatto che avevi - - che questo ragazzo X ti avesse portato in queste due situazioni e tu avessi fatto quello che avevi fatto?

A.- Ebbene, a quel tempo, io non - - non mi aspettavo che quello che in realtà ho fatto fosse un omicidio, ma ora seduto qui accusato di questo, voglio dire, è - - no, non mi sento molto - - non mi sento molto bene a riguardo.

Trascrizione 26 agosto 2014, pag. 47, righe 34-41.

[146] Questi sono solo alcuni di più di una dozzina di questi passaggi nella sua diretta testimonianza, ma sono rappresentativi del resto.

[147] Non importa, a mio avviso, che X, Y e Z siano di fantasia o che la sostanza della sua storia su di loro sia fabbricata. Ciò che conta di questi passaggi è che dimostrano un vuoto completo all'interno del Sig. Legebokoff.

[148] Gli manca qualsiasi briciolo di empatia o rimorso.

[149] Non gli si dovrebbe mai più permettere di camminare in mezzo a noi.

[150] Non posso concludere questa prova senza aggiungere qualcosa di più. Sono consapevole dei commenti fatti secondo cui non è necessario avviare alcuna indagine formale sulle donne scomparse e uccise, che la polizia è la soluzione a questo problema.

[151] Con il massimo rispetto a quelli di diversa opinione, dovremmo essere tutti eternamente grati a un poliziotto molto giovane e inesperto, il cui istinto era sano e sul denaro. Il dolore e gli orrori che abbiamo sentito dalle famiglie potrebbero essere stati semplicemente un precursore di quello che sarebbe seguito se la fortuna e la fortuna non avessero portato Cst. Kehler a quel tratto dell'autostrada 27 la notte del 27 novembre 2010.

[152] Quello che è seguito è stato un buon lavoro di polizia che ha cercato di integrare quattro indagini separate e portarle in giudizio. Ma non commettere errori. È stata la fortuna a dare inizio a questi eventi.

[153] Forse un'area ancora più delicata voglio dire a quelle persone delle Prime Nazioni che hanno assistito così religiosamente a questo processo, conosco in piccola misura il dolore e la perdita che provate, ma questa non è solo una questione delle Prime Nazioni.

[154] So che le persone delle Prime Nazioni sono troppo come percentuale delle donne scomparse e uccise. Sono rappresentati in modo sproporzionato in questo appello di miseria.

[155] Ma come dimostrano così vividamente i fatti di questo processo, questa non è solo una questione delle Prime Nazioni. È una questione sociologica, che nasce, tra l'altro, da uno stile di vita ad alto rischio. È qualcosa che deve essere affrontato.

[156] Le vittime di questo caso rappresentano due membri di discendenza delle Prime Nazioni e due di origine caucasica.

[157] È un errore, a mio avviso, limitare la gravità di questo problema e fingere che la polizia sia una risposta quando le circostanze di questo caso sollevano interrogativi sull'efficacia di tale processo.

[158] Dobbiamo semplicemente fare di meglio, soprattutto laddove l'impegno per la polizia si riflette in un taglio dell'84% al budget per la task force Highway of Tears.

WG Parrett, J.